The dance, since primitive times, has played a key role in the life of the individual and communities highlighting the most important moments.

In Sardinia the historical sources about the folk dances are distant and different over time. The first document related to this expression of the folk tradition, is dating back to the Ozieri Culture (3200-2700 BC). This is a bowl from the altar of Monte d’Accoddi, near the town of Sassari. It is supposed that in the bowl is decorated a scene of dance where are represented four stick figures to hourglass form holding hands, almost forming a circle. Another interesting example concerns the shelf, near the apse of the Romanesque Church of San Pietro di Zuri (dated 1293), in the municipality of Ghilarza. This is the relief representation of a dance scene where are represented figures that dance held by the hand and it is assumed that this is “the first evidence of ballu tundu.”

These are just some of the documented examples that prove the attachment of the Sardinians at the folk dance and despite the work of Christianization carried on by the Church on the island, the link between dance and religiosity and between people and communities did not cease.

The Church condemned the dances and considered them “obscene” and sinful, preventing that took place in front of and inside the Church, in the cemetery and in the streets, even in their own homes when they celebrate religious services. Historical sources thus documenting the strong rooting of the Sardinian dance. The dance which took place in front of and inside the churches seems to indicate a “pagan” religion.

Bowl with dance scene, Ozieri Culture, Museo Nazionale Sanna – Sassari (photo Honebu online newspaper)

Bowl with dance scene, Ozieri Culture, Museo Nazionale Sanna – Sassari (photo Honebu online newspaper)

Shelf of Romanesque Church of San Pietro di Zuri, with representation of dance; (photo Honebu online newspaper)


Su ballu tondu a cantigu in su patiu de Cheja”, watercolour by S.Manca di Mores, 1861. Photo: from The collection of Sardinian costumes 1861/76, table n. 16

Su ballu tondu a cantigu in su patiu de Cheja”, watercolour by S.Manca di Mores, 1861. Photo: from The collection of Sardinian costumes 1861/76, table n. 16

As of the end of 1700 and and then mostly in 1800, there are many court cases documents describing the “circular dance” and there are studies of many Italian and foreign intellectuals and travellers that practicing the “Grand Tour” provide interesting news about dancing through their travel reports and pictorial documentation.

In Sardinia the distinction between the two terms is clear and refers to treaties of the Renaissance period when scholars called “ danza “ performances in pairs, linked to courtship dances and “ballo” the interpretation made by more people forming a circle with random arrangement of dancers, linked to ritual dances. In Sardinia so the distinction between the two terms is mainly linked to the type of step that you perform during the dance. In the Sardinian Island the term “ballu”( in Sardinian language) “dance” is used to denote its most characteristic form : the “ballu tundu” (in Sardinian language) and also forms accompanied by songs are indicated by “ballu”.

This term seems to have a greater diffusion perhaps because it is linked to the oldest choreographic forms, like those in the circle. The “ballu“ word therefore has indigenous origins and older, the first organized forms of primitive dance have just precisely shapes of the circle and line. The traditional dance is an integral part of the Sardinian culture and over the centuries has undergone changes and alterations.


Sassari, "Ballu tundu" flash mob Photo: La Nuova Sardegna online newspaper

Sassari, “Ballu tundu” flash mob Photo: La Nuova Sardegna online newspaper


At first the traditional dance was linked to the town, to its moments of fun and play, to pagan religious rites but he has mostly covered an important social aggregation function. The party was seen as a moment of rupture of the social rules of everyday life, from the toil of work. Through the party and dancing, they were created opportunities for women and men meet to be together, because in everyday life was preferable that would not happen.

The dance in fact belonged to everyone and everyone could participate, was a source of joy and through it marked the most important moments of community life: births, marriages, the festivities for example.

Everyone participate regardless of their technical qualities of the dance and the common people did not consider this practice offensive or scandalous. The historical period between the two world wars was characterized by the progressive loss of tradition in sound and dance. Fascism then, to strengthen nationalism, repressed any manifestations of cultural identity.

Since the second world war, along with reconstruction there was a work of recovery and rediscovery of all forms of cultural identity, especially by young people that driven by the need to reinterpret the popular culture founded associations where there were elements of the past: the dance and the local custom, the union of men and women with new spectacular choreography.
In the years ‘ 50-‘ 60 was born in Quartucciu, near Cagliari, the first concrete example of mixed association: the folklore groups(folk), where people gathered to put on a show of popular traditions. These associations are present in every town and city. Today we can say that thanks to the folk groups and their shows, the Sardinian cultural tradition survives and is known abroad.

Every town has its own traditional costume, its “ballu tundu” and “sa danza” that remain the same in structure but with differences in the speed of the rhythm, in the figures, in the step. There are so many versions of “ballu tundu” and “sa danza” (in Sardinian language).

The “ballu tundu” is the most popular dance among the various sardinian dances and its characteristics are: the circularity, the flicker, the composure, the cries of joy.

Men and women put themselves in a circle, each holding the other by the hand “a manu tenta” (in Sardinian language) and sometimes you put around the musician who is at the center; this indicates the close link between who plays music and who dances. The dance unfolds with flickering movements.

It is supposed that the flicker is a rhythmic movement of purification, propitiatory and this triumph over the melody. Anthropological studies see in the circular dance a cultural manifestation of the oldest folk tradition tied to magic-ritual forms. The basic movement so it’s like a jolt that supports the rhythm and mainly involves the trunk of the dancers. The steps following the music beat and must be made seriously: the upper part of the body must be kept rigid, while the mobility is entrusted exclusively to the lower limbs.

The “ballu tundu” demanded a huge composure by the woman. The dancer keeps for the duration of the dance very seriously, as if she were performing a sacred ritual. According to ancient tradition, even during this time of joy and fun, the Sardinian woman must not lose its solemnity and respect but man could emit cries of celebration during the execution of the dance and danced proudly next to the woman who followed him in the dance.

Married couples or girlfriends could hold hands with fingers intertwined, but a man could not do this with a young girlfriend or another man’s wife. A stranger could enter the circle to the right so as not to stay between the woman and her husband.

During its execution alternates two moments: the quick step dance “su passu lestru” (in Sardinian language) and the slow dance step “su passu seriu” (in Sardinian language) that serves to rest.

The dance is accompanied by these musical instruments: the “launeddas” (in Sardinian language), Sardinian musical instrument who have an ancient origin and are wind instruments, guitar, piffero “su sulittu “(in Sardinian language) , drum, bells, the Jew’s harp,mouth organ and accordion. In addition to musical instruments, dance is accompanied by the “cantu a tenores” (in Sardinian language) that is a style of polyphonic folk singing characteristic of the Barbagia region of the island of Sardinia.
It’s a pastoral choral singing that reproduce the sounds of nature. In 2005, Unesco classed the “cantu a tenore” among oral and intangible world heritage.

Il ballo tradizionale in Sardegna

La danza, fin dall’epoca primitiva, ha ricoperto un ruolo fondamentale nella vita dell’individuo e della comunità di appartenenza scandendone i momenti più importanti.

In Sardegna le fonti storiche sulle danze popolari sono distanti e diverse nel tempo. Il primo documento relativo a questa espressione della tradizione popolare, risale alla Cultura di Ozieri ( 3200 – 2700 a.C.). Si tratta di una scodella proveniente dall’altare di Monte d’Accoddi, presso la città di Sassari. In essa si ipotizza sia decorata una scena di danza, dove son rappresentate quattro figure stilizzate a clessidra che si tengono per mano, quasi a formare un cerchio. Un altro esempio interessante riguarda la mensola , vicino all’abside, della Chiesa romanica di San Pietro di Zuri (datato 1293), frazione del comune di Ghilarza. Si tratta della raffigurazione in rilievo di una scena di ballo dove son rappresentate figure che danzano tenute per mano e si ipotizza che si tratti “della prima testimonianza del ballu tundu.”

Questi sono solo alcuni degli esempi documentati che testimoniano l’attaccamento dei sardi al ballo e nonostante l’opera di cristianizzazione portata avanti dalla Chiesa nell’isola, il legame tra ballo e religiosità e tra uomo e comunità non cessò. La Chiesa condannava i balli ritenendoli “osceni” e peccaminosi, impedendo che si svolgessero davanti e all’interno della Chiesa, nel cimitero e nelle piazze, persino nelle proprie abitazioni nel momento in cui venivano celebrate le funzioni religiose. Le fonti storiche documentano perciò il forte attecchimento del ballo sardo e il suo svolgersi davanti e dentro le chiese che sembra indicare una religiosità “pagana”.

A partire dalla fine del 1700 e poi soprattutto nel 1800, si registrano molti documenti di cause giudiziarie dove si descrive il “ballo tondo”, al quale si affiancano gli studi dei tanti intellettuali- viaggiatori italiani e stranieri che praticando il “Grand Tour”, forniscono interessanti notizie sul ballo attraverso i loro resoconti di viaggio e documentazione pittorica.

In Sardegna la distinzione tra i due termini è netta e si rifà ai trattati del periodo rinascimentale quando gli studiosi chiamavano “danza” l’esibizione in coppia, legata a danze di corteggiamento e “ballo” l’interpretazione svolta da più persone chiuse in cerchio con disposizione casuale dei ballerini, legata a balli rituali. In Sardegna perciò la distinzione tra i due termini è legata soprattutto al tipo di passo che si esegue durante il ballo.

In Sardegna il termine “ballu” (ballo) viene usato per indicare la sua forma più caratteristica: il “ballu tundu” e anche le forme accompagnate da canti vengono indicate con “ballu”. Questo termine sembra avere una maggiore diffusione forse perché legato a forme coreografiche più antiche, come quelle in cerchio. Il vocabolo “ballu” perciò ha un’origine indigena e più antica, basti pensare che le prime forme organizzate di danza primitiva riproponevano proprio le figure elementari del cerchio (o circolo) e della linea (o fronte).

La danza tradizionale è perciò parte integrante della cultura sarda e nel corso dei secoli ha subito dei mutamenti e alterazioni.
Un tempo la danza tradizionale era legata al paese, ai suoi momenti di divertimento e di gioco, ai riti a sfondo religioso pagano ma soprattutto ricopriva un’importante funzione sociale di aggregazione. La festa era vissuta come un momento di rottura dalle regole sociali della vita quotidiana, dalla fatica del lavoro. Attraverso la festa e il ballo, si creavano le occasioni affinchè le donne e gli uomini si incontrassero per stare assieme, dato che nella vita di tutti i giorni era preferibile che non accadesse. Il ballo infatti apparteneva a tutti e tutti potevano parteciparvi, era fonte di gioia e attraverso esso si scandivano i momenti più importanti di vita della comunità: le nascite, i matrimoni, le feste patronali per esempio. Tutti partecipavano a prescindere dalla qualità tecnica dell’esecuzione della danza e la gente del popolo non riteneva questa pratica offensiva o scandalosa.
Il periodo storico a cavallo delle due guerre mondiali fu invece caratterizzato dalla perdita progressiva della tradizione nell’ambito del suono e del ballo. Il fascismo poi, per rafforzare il nazionalismo, represse ogni manifestazione di identità culturale.

A partire dal secondo dopoguerra, assieme alla ricostruzione ci fu un’opera di recupero e riscoperta di tutte le forme di identità culturale soprattutto da parte dei giovani che spinti dalla necessità di reinterpretare la cultura popolare fondarono delle associazioni dove erano presenti elementi del passato: ballo e il costume locale,l’unione degli uomini e delle donne con nuove scenografiche coreografie. Negli anni ’50- ’60, nasce a Quartucciu, città in provincia di Cagliari, il primo esempio concreto di associazione mista: i gruppi folkloristici (folk),dove le persone si riunivano per fare spettacolo di tradizioni popolari. Queste associazioni sono presenti in ogni paese e città sarda.

Oggi si può affermare che grazie ai gruppi folk ed ai loro spettacoli, la tradizione culturale sarda sopravvive e si fa conoscere all’estero.

Ogni centro abitato ha il proprio costume tradizionale , il proprio ballo tondo e la propria danza che rimangono gli stessi dal punto di vista della struttura ma che presentano differenze nel cambiamento della velocità del ritmo, nelle figure, nel passo. Vi sono perciò molte versioni del “ballu tundu” e de “sa danza”.

Il ballo tondo è il ballo più diffuso tra i vari balli sardi e le sue caratteristiche sono: la circolarità, il tremolio, la compostezza, le grida di gioia improvvise.

Uomini e donne si mettono in circolo, l’uno tiene l’altro per mano “a manu tenta” e a volte si mettono attorno al suonatore che sta al centro; ciò indica lo stretto legame tra chi esegue la musica e chi balla. Il ballo si svolge con movimenti tremuli. Il tremolio ritmico sembra costituire un movimento purificatorio, propiziatorio e questo prevale sulla melodia. Studi antropologici vedono nel ballo tondo una manifestazione culturale della tradizione popolare più antica legata a forme magico- rituali.

Il movimento di base quindi è simile ad un sussulto che asseconda il ritmo e coinvolge soprattutto il tronco dei ballerini. I passi seguono il ritmo musicale e devono essere compiuti con contegno: la parte superiore del corpo deve essere mantenuta rigida, mentre la mobilità è affidata esclusivamente agli arti inferiori.

Il ballo pretendeva un’ enorme compostezza da parte della donna. La ballerina mantiene per tutta la durata del ballo grande serietà, come se stesse compiendo un rito sacro. Secondo l’antica tradizione, anche durante questo momento di gioia e divertimento, la donna sarda non doveva perdere la propria solennità e rispetto. L’uomo invece poteva emettere grida di festa durante l’esecuzione del ballo e danzava fiero a fianco alla donna che lo seguiva nella danza.

Le coppie sposate o fidanzate potevano tenersi per mano con le dita intrecciate, ma un uomo non poteva farlo con una giovane ragazza o moglie di un altro. Se un estraneo si inseriva nel cerchio, doveva farlo entrando a destra in modo da non mettersi tra la donna e suo marito.

Durante la sua esecuzione si alternano due momenti: il passo svelto “su passu lestru” e il passo lento “su passu seriu” che serve a riposarsi.

Gli strumenti di accompagnamento del ballo sono: le “launeddas”, strumenti musicali sardi a fiato che hanno un’ origine antichissima, la chitarra, “su sulittu” ( il piffero),il tamburo, le campane, lo scacciapensieri, l’organetto, l’armonica a bocca e la fisarmonica. Oltre agli strumenti musicali, il ballo viene accompagnato dal “canto a tenores”che è un canto corale pastorale che imita i suoni della natura ed è è stato inserito dall’UNESCO tra i Patrimoni orali e immateriali dell’umanità. D.Intangible HeritagePerformanceStudent ProgramFrancesca D.,travel,world heritage travel
The dance, since primitive times, has played a key role in the life of the individual and communities highlighting the most important moments. In Sardinia the historical sources about the folk dances are distant and different over time. The first document related to this expression of the folk tradition, is dating...