WP_003230

The word “War” is derived from the germanic medieval wёrran which means melee and indicates a condition of conflict between two or more groups of people that use violence to overcome a crisis situation. War is as old as man and is a difficult reality to describe but it is always valuable material for storytellers.  My choice for you is the book of the Sardinian author Giacomo Mameli: “La ghianda è una ciliegia” (“The acorn is a cherry”). The author is a sociologist, journalist, writer, director of the monthly Sardinews. He teaches Theory and Techniques of communication in high schools and he is a Professor at the Faculty of Political Science and that of Languages.

The first edition of the book was released in 2006 and in 2007 it won the National Award for Literature “Giampiero Orsello” promoted by the municipality and by the province of Rome (jury President Sergio Zavoli). The book is in its fifth edition, had 123 presentations (46 in the peninsula) including the presentation that took place with Cuec Publishing and with La Sapienza University in Rome at the Refectory Hall of the Chamber of Deputies in Rome.

I think that books can be judged also (but not only!) by its cover because the cover can tell us much and is an integral part of the book itself. The title intrigued me and this led me to choose the book and to live it. “La ghianda è una ciliegia” means that in times of hunger also the acorn is a cherry. It’ s an exciting and interesting book that condemns the senselessness and the ferocity of these great conflicts and makes us understand life, the sacrifices and the risks that have lived these fighters.

The work is a collection of testimonies and stories of Sardinian soldiers who fought in World War II but above all they are stories of simple men who are removed from their daily lives by the folly of war. Sardinia has always been the protagonist of the Great History and the stories narrated from the voice of the same prisoners of war, centenarians today, are an example of how important it is to preserve and disseminate the historical memory. The collection of stories has been translated and transcribed in Italian by the author, faithfully respecting the simple and spontaneous style and the Sardinian language used by the protagonists of the stories.

The stories narrated are stories of humble town life that take place during the war, they are the stories of those who have been able to come back and who speak in the name of the missing and victims of this barbaric conflict. There are stories of men who have experienced the horrors of the concentration camps, or sorting in Germany or  those who have seen prisoners of the British in South Africa and in India. In these pages we find stories of men who have lived years in the ice of Russia but there are also the precious testimonies of women remained in the country forced to work in mines in poor conditions. There are also those who have received important awards for War campaigns but also those who supported the Fascist movement and those who condemned him. Almost all the characters are from Perdasdefogu (Foghesu in Sardinian), whose toponym means “fire stones” in reference to abundance of limestone used as “flint” in the country located in Ogliastra province.

In the book, among the many testimonies we find the story of Vittorio Palmas which tells the life lived before being called to arms: the memories of school, work at nine years as cowherd and cattleman, the religious festivals in the country, the rural life and then the call to military service: the wonder and excitement when taking the first train to Cagliari which seemed so fast compared to gait of the ox-cart, life in the city, the rich shopkeepers, cars , large buildings, people in full dress while he was used to dress pants and shoes with holes when he lived in the country. He took the ship from Cagliari to Civitavecchia and then on the train to Torino because your destination was “Nice Cavalry Regiment Torino”. In the barracks Vittorio became from “permanent” to “stopped” and he worked in tailoring and he was sent to other Italian Regiments and later in Yugoslavia, to Segna in Croatia. Here, he fought against Slav rebels and against the Germans and he describes in great detail the tragic deaths of the sergeants and his comrades in arms. Vittorio recounts how every day, several times a day, were fired mortars and bombings with much blood and screaming. The massacres lasted until 8 September 1943. He managed to escape capture by Germany, hiding inside a pit and then the days running from Fiume to Trieste. He had lost twenty pounds and fainted. The corporal threw him (as if it were an object, not a person!) on a truck and he found himself in Germany, Merkeslipe, in a transit camp; then he worked in the mines, the friendship with an Italian soldier born and lived in Germany and then the various transfers that led him South of Dortmund. Vittorio learned to speak German and to work in a factory. He worked without receiving any salary. The Americans and the Russians arrived in Germany.

In times of war the Latin phrase that reads: “mors tua vita mea “was the law of survival. Vittorio arrived in Monaco with a military truck and in the area before the Brennero and he saved himself from death by Russian hands. The Russians killed those who did not speak Russian because they considered an enemy. Vittorio managed to catch a train that would take him to Italy, and then from Naples onward to to Cagliari and then a bus ride back to his country, Perdasdefogu. Vittorio tells of his welcome by his countrymen, his marriage to his wife Antonietta and happy life in the countryside. Today Vittorio is more than 80 years old, his wife Antonietta is dead and he is alone. He lives in the hospice of the elderly “Casa Letizia” and tells of how he lives his daily life. He spends his time talking of his ‘beloved wife, the Slavs, the Russians and the Germans. He listens to TV that still speaks of war, conflicts and massacres that are ravaging the world and he doesn’t understand how it’s possible that history has not taught anything to men and does not understand how one man can decide the fate of entire nations sending to die hundreds of thousands of people.

At the end of the book the author reported the names of the 36 victims of Perdasdefogu in two great wars. These names are engraved on tombstones in St Peter’s Square.  I would conclude this review by quoting a phrase by the author of the book which is a warning to all of us: “There is no local history that is not global history”.

Note:
– On the cover: Antonio Lai “Scottula” digging a trench in Noto (SR). (Photo Lai)
– About author : http://www.giacomomameli.com/
This is the interview of the surviving Vittorio Palmas released to the Sardinian online newspaper La Nuova Sardegna :

Recensione libro “La ghianda è una ciliegia” dell’autore Giacomo Mameli

La parola “guerra” deriva dal germanico medievale wёrran (mischia) ed indica una condizione conflittuale fra due o più gruppi umani che ricorrono alla violenza per oltrepassare una situazione di crisi. La guerra è antica quanto l’uomo ed è una realtà difficile da raccontare, ma essa è da sempre materiale prezioso per i narratori. Ho scelto di proporvi il libro “La ghianda è una ciliegia” dell’autore sardo Giacomo Mameli.
L’autore è sociologo, giornalista, scrittore, direttore del mensile Sardinews. Insegna Teoria e tecnica della comunicazione nelle scuole superiori, è docente presso la facoltà di Scienze politiche e quella di Lingue.
La prima edizione del libro è uscita nel 2006 e nel 2007 ha vinto il Premio Nazionale per la Letteratura “Giampiero Orsello” promosso dal Comune e dalla Provincia di Roma (presidente della giuria Sergio Zavoli). E’ alla sua quinta edizione, ha avuto 123 presentazioni (46 nella penisola) tra cui quella avvenuta insieme alla Cuec Editrice e all’ Università La Sapienza di Roma presso la Sala del Refettorio della Camera dei Deputati in Roma.
Io penso che i libri si possano giudicare anche (ma non solo!) dalla copertina perché una copertina può dirci molto, è parte integrante del libro stesso. E’ proprio il titolo ad avermi incuriosita e questo mi ha portata a scegliere questo libro e a viverlo. “La ghianda è una ciliegia” significa che in tempo di fame anche la ghianda è una ciliegia. E’ un libro emozionante ed interessante che condanna l’ insensatezza e la ferocia di questi grandi conflitti e ci fa capire la vita, i sacrifici e i rischi che hanno vissuto questi combattenti.
L’opera è una raccolta di testimonianze e di racconti di soldati sardi che hanno combattuto nella seconda guerra mondiale ma esse sono soprattutto storie di uomini semplici che vengono stappati alla loro quotidianità dalla follia della guerra. La Sardegna è sempre stata protagonista della Grande Storia e i racconti rievocati dalla viva voce degli stessi prigionieri di guerra, oggi centenari, sono l’esempio di quanto sia importante custodire e divulgare la memoria storica. La raccolta di storie è stata tradotta e trascritta in italiano dall’autore, rispettando fedelmente lo stile semplice, spontaneo e la lingua sarda usata dai protagonisti dei racconti.
Le storie raccontate sono storie di umile vita paesana che si svolgono durante la guerra, sono le storie di coloro che son potuti tornare e che parlano anche in nome dei dispersi e delle vittime di questo barbaro conflitto. Ci sono racconti di uomini che hanno vissuto gli orrori dei campi di concentramento o di smistamento in Germania o quelli che hanno visto protagonisti i sardi prigionieri degli inglesi in Sudafrica e in India. In queste pagine troviamo storie di uomini che hanno vissuto anni tra i ghiacci della Russia ma sono presenti anche le testimonianze preziose delle donne rimaste in paese costrette a lavorare nelle miniere in condizioni povere. Ci sono anche coloro che hanno ricevuto importanti riconoscimenti per le Campagne di Guerra ma anche chi sosteneva il movimento fascista e chi lo condannava. Quasi tutti i protagonisti sono di Perdasdefogu (Foghesu in sardo) il cui toponimo significa “Pietre da fuoco” in riferimento all’ abbondanza di rocce calcaree usate come “pietre focaie” e presenti nel paese situato nella provincia dell’ Ogliastra. Nell’opera tra le tante testimonianze, troviamo quella di Vittorio Palmas che racconta la vita vissuta prima di essere chiamato alle armi: i ricordi di scuola, il lavoro a nove anni come vaccaro e bovaro,le feste religiose in paese, la vita agreste e poi la chiamata per svolgere il servizio militare: lo stupore e l’euforia nel prendere il primo treno per Cagliari che gli sembrava così veloce se paragonato all’andatura del carro trainato dai buoi, la vita in città, i ricchi bottegai, le auto, i grandi palazzi, le persone abbigliate mentre lui era abituato in paese a vestire con pantaloni e scarpe bucate. Vittorio da Cagliari si imbarcò per Civitavecchia e poi sul treno diretto a Torino perché era destinato al “Reggimento Nizza Cavalleria Torino”. In caserma diventò da “permanente” a “trattenuto” e venne destinato a lavorare in sartoria e dopo esser stato spostato in altri Reggimenti italiani, venne spedito in Jugoslavia, a Segna in Croazia. Qui combattè contro i ribelli slavi e contro i tedeschi, descrivendo con dovizia di particolari le tragiche morti dei sergenti e dei suoi compagni d’armi. Vittorio raccontò che ogni giorno, più volte al giorno, venivano sparati colpi di mortaio e bombardamenti, tanto sangue, urla disperate e le stragi si protrassero fino all’8 settembre del 1943. Riuscì a scampare alla cattura da parte tedesca nascondendosi dentro ad un pozzo e poi i giorni in marcia da Fiume a Trieste. Aveva perso ventun chili e svenne. Il caporal maggiore lo buttò (come se fosse stato un oggetto e non una persona) su un camion e si ritrovò in Germania, Merkeslipe, in un campo di smistamento; poi il lavoro in miniera, l’amicizia con un soldato italiano nato e vissuto in Germania e poi i vari spostamenti che lo condussero a sud di Dortmund. Vittorio imparò il tedesco, il lavoro in fabbrica. Lavorava senza percepire alcuno stipendio. Arrivarono in Germania gli americani e i russi. In tempi di guerra vigeva la locuzione latina che recita: mors tua vita mea . Vittorio arrivò a Monaco con un camion militare e nella zona che precede il Brennero si salvò dalla morte per mano russa. I russi uccidevano chi non parlava il russo perché considerato nemico. Riuscì a prendere un treno che lo condusse in Italia, da Napoli e poi raggiunse Cagliari fino ad arrivare al suo paese, Perdasdefogu. Vittorio raccontò l’accoglienza dei suoi compaesani, il matrimonio con sua moglie Antonietta e la vita felice in campagna.
Oggi Vittorio ha più di 80 anni, sua moglie Antonietta non c’è più ed è rimasto solo. Vive nell’ospizio degli anziani “Casa Letizia” e racconta come si svolge la sua vita quotidiana. Trascorre il suo tempo a parlare dell’ amata moglie, degli slavi, dei russi e dei tedeschi. Ascolta la tv che parla ancora di guerra, dei conflitti e dei massacri che devastano il mondo e non capisce come sia possibile che la Storia non abbia insegnato niente agli uomini e non capisce come un uomo solo possa decidere la sorte di intere nazioni facendo morire centinaia di migliaia di persone.
Alla fine del libro l’autore Giacomo Mameli ha riportato i nomi dei 36 Caduti di Perdasdefogu nelle due Grandi Guerre. Questi nomi sono incisi nelle lapidi di Piazza San Pietro. Mi sento di concludere questa recensione citando una frase dell’autore del libro che costituisce un monito per tutti noi: “non c’è storia locale che non sia storia globale”.

Note:
– In copertina: Antonio Lai “Scottula” che scava una trincea a Noto (SR). (Foto Lai)
– Informazioni sull’autore Giacomo Mameli : : http://www.giacomomameli.com/
Questa è l’ intervista del sopravvissuto Vittorio Palmas rilasciata al quotidiano online sardo La Nuova Sardegna :

http://gounesco.com.s3-ap-southeast-1.amazonaws.com/wp-content/uploads/2016/05/03214332/WP_003230-768x1024.jpghttp://gounesco.com.s3-ap-southeast-1.amazonaws.com/wp-content/uploads/2016/05/03214332/WP_003230-150x150.jpgFrancesca D.Student ProgramWarFrancesca D.,Giacomo Mameli,sardinia,travel,world heritage travel
The word 'War' is derived from the germanic medieval wёrran which means melee and indicates a condition of conflict between two or more groups of people that use violence to overcome a crisis situation. War is as old as man and is a difficult reality to describe but it...